Ambiente Standardizzato IEC

11 dicembre 2010

di Mario Bon

 

La definizione degli attributi del suono ha chiarito l’ortogonalità degli attributi mono e tridimensionali. In buona sostanza è possibile regolare alcuni parametri della percezione alimentando indipendentemente il campo diretto ed il campo riverberato.

 

L’ambiente ideale per la riproduzione musicale è stato definito da IEC e prevede un tempo di riverberazione costante pari a 0.4 secondi a partire da 125 Hz. Ciò implica che la distanza critica (o raggio di riverberazione) è anche costante e vale circa un metro

 

Ambiente Standardizzato IEC (per la valutazione dei diffusori acustici): la norma IEC raccomanda di utilizzare un ambiente di circa 80 metri cubi (circa 6.5x4.5x2.8 metri) con tempo di riverberazione di 0.4 secondi tra 250 e 4000 Hz che può arrivare a 0.8 secondi sotto i 250 Hz. Le pareti dell’ambiente, compreso il soffitto, sono intonacate mentre si consiglia di rendere assorbente il pavimento (tappeti) e la parete alle spalle del punto di ascolto. Le pareti laterali devono essere rese diffondenti disponendovi quadri,  mobili e librerie senza ante. Questo è l’ambiente ritenuto rappresentativo della media degli ambienti europei per l’ascolto della musica riprodotta. Il T60 di 0.8 secondi (sotto i 260 Hz) è da alcuni ritenuto eccessivo (specie per la riproduzione della musica elettronica).

Il tempo di riverberazione indicato si ottiene con un  assorbimento medio del 25%.

 

Andamento del T60 in un ambiente appositamente progettato e realizzato da Technics per  l’audizione di diffusori acustici. Il tempo di riverberazione è praticamente costante attorno a 0.4 secondi anche a bassissima frequenza. Per realizzare l’ambiente sono stati impiegati dei risuonatori (cavità riempite di materiale assorbente).  (da SUONO)

 

Ambiente standardizzato:

Ambiente utilizzato da Toole per le sue ricerche (6,7 x 4.1).  Il fono assorbimento è concentrato dietro i diffusori. Il punto di ascolto è lontano e troppo vicino alla parete di fondo. La stanza lunga e stretta favorisce un eccesso di riflessioni laterali. Vedere anche Nippon-Gakki  (F. Toole: Loudspeaker Measurements and Their Relationship to Listener Preferences: Part 2*)

 

Dimensioni dell’ambiente Standardizzato

Dimensioni

 6.5 x 4.5 x 2.8  =  81.2 m3 -   29.25m2

Frequenza minima

Hz 20.5

Primi modi

26, 38, 46, 53, 51, 65,… 81 (2)… 196(5)

Freq.di schroeder

 250 Hz

T60 (pareti nude alfa medio 1%)

10.9 s

T60 (pareti nude alfa medio 26.5%)

0.4 da 250 a 4000 Hz  fino a 0.8 sotto 250 Hz