Intimità (Intimacy), presenza :

 

2 novembre 2016

 

(in acustica architettonica). Misura la capacità dell’ascoltatore di percepire la vicinanza della sorgente. Viene rappresentato dalla differenza di tempo (ITDG = Initial Time Delay Gap detto anche t1) tra l’arrivo del suono diretto e l’arrivo della prima riflessione (Beranek 1962). Le piccole sale (ambienti domestici) sono sempre “intime”. Gli studiosi non concordano sull’importanza da attribuire a questo attributo e molti sostengono che l’intimità sia piuttosto da correlare a G (Forza). L’intimità non rientra tra i parametri che caratterizzano il diffusore acustico. Si veda anche Chiarezza, Calore, Intimità, Brillanza,  Spazialità.

 

In un auditorio l’ ITG è facilmente superiore a 10 mS. In un ambiente domestico resta inferiore a 5 mS. Questa è una delle  cause per cui la riproduzione in ambiente domestico differisce dalla riproduzione in un auditorio.

Per aumentare l’ITG nella riproduzione domestica si devono adottare delle sorgenti direttive che hanno però altri svantaggi.

 

L’intimità non può essere un attributo riferibile al suono di un sistema di altoparlanti.