Filtro a Pettine: (Comb Filter).

 

Quando due segnali

 

-          a largo spettro

-          simile ampiezza

-           ma ritardati uno rispetto all’altro

 

vengono sommati, lo spettro del segnale somma risultante presenta una serie di picchi e buchi (causati dall’interferenza) che assomiglia ai denti di un pettine. Un esempio tipico è il risultato della sovrapposizione del suono diretto e di una sua riflessione (in particolare della sua prima riflessione). L’effetto di “comb filter” causato dalle prime riflessioni in una control-room è udibile (*). Nella figura (da Wilson Audio) è illustrato l’effetto della riflessione del suono sul pavimento che, percorrendo due strade diverse, giunge al microfono dove interferisce dando origine alla caratteristica risposta di un filtro a pettine.

 

I progettisti di control-room sostengono che le riflessioni provenienti dal pavimento non sono importanti perché molto ben riconosciute e “compensate” dal sistema uditivo. Nella realtà non c’è solo il pavimento ma anche il soffitto, le pareti laterali, i mobili, ecc. e le interferenze sono molteplici. Ciò suggerirebbe di registrare gli strumenti con il microfono molto ravvicinato ma questo comporta la perdita dell’ambienza. Tutti concordano sul fatto che le riflessioni più importanti sono le prime riflessioni laterali.

 

 

Se l’altoparlante si trova a un metro di altezza e il punto di ascolto a 2 metri il ritardo della riflessione sul pavimento vale 2.3 millisecondi (primo zero a 215 Hz).  Tuttavia in letteratura la riflessione del pavimento non è considerata deleteria. Alcuni  diffusori riducono la riflessione sul pavimento orientando la sezione medio-alti verso l’alto.

 

 

In genere si consiglia di disporre un tappeto (ben assorbente) davanti ai diffusori. Questo limita sicuramente la reflessione sul pavimento e riduce anche il tempo di riverberazione dell’ambiente. Per un motivo o per l’altro è comunque consigliabile.

 

 

(*) l’effetto è udibile perché è l’unico presente. Questo spiega anche perché la “distorsione di fase” non sia udibile in presenza di un campo riflesso. Spiega anche perché alcuni sistemi di altoparlanti debbano essere ascoltati da lontano.